Home Prima
Squadra
Giovanili Società Tornei Sezione
Atleti
News Forum  Foto & 
Video
Link &
Sponsor
Area
Riservata
Credits


News - Maggio 2016

Sfuma il sogno C Gold per la Libertas19/5/2016
LIBERTAS BASKET LUCCA 57
OLIMPIA LEGNAIA 58

Parziali (15-15; 23-30; 37-41)

LIBERTAS LUCCA: Romei 4, Del Sorbo, Masini, Raffaelli 10, Angelini 7, Tellini, Lorenzi 15, Genovali 10, Poli 5, Morello 6. All. Romani
OLIMPIA LEGNAIA: Zani 10, Cambi 4, Calamai 4, Temoka 6, Guidi 6, Marchini 6, Conti 4, Fontani 15, Tarchi, Del Secco 3. All. Zanardo

Arbitri: Montalbetti R. di Empoli e Solfanelli G. di Livorno

Note: fallo antisportivo a Masini a 11'02'', fallo antisportivo a Poli a 30'41'', Romei a 31'32''

Niente da fare. La Libertas Basket Lucca esce sconfitta dal Pala Tagliate di un solo punto, 57 a 58, contro l'Olimpia Legnaia nella gara 2 di play-off del campionato di serie C Silver. Un degno finale di stagione, comunque, per i lucchesi che salutano il proprio pubblico offrendo una straordinaria prestazione agonistica. Il posto in serie C Silver è assicurato anche per il prossimo anno per la Libertas, mentre Legnaia, con questa vittoria, si porta a casa la serie 2 a 0 e sale direttamente in C Gold.

Nei primi minuti di gioco prevalgono le difese anche se la tensione si fa sentire in campo per entrambe le squadre. Uno scatenato Morello recupera due palloni consecutivi a metà campo, grazie ad un’asfissiante difesa su Guidi, e firma i primi due della partita in contropiede. L'energia di Morello contagia i compagni di squadra che in un amen volano sul 7 a 2. L'Olimpia però si rialza e rimette la testa avanti grazie ad un contropiede guidato da Calamai e magistralmente chiuso da Zani. La partita rimane in sostanziale equilibrio per tutto il primo quarto. I lucchesi tornano in vantaggio ma una tripla di Calamai a 2'' dalla sirena pareggia i conti sul 15 a 15.

Nel secondo quarto la partita continua a farsi fisica e ricca di contatti. Masini si vede fischiare un fallo antisportivo per un contatto ritenuto troppo duro dagli arbitri e l'Olimpia ne approfitta con un 2/2 dalla lunetta. Marchini piazza la bomba del +5 e coach Romani è costretto a fermare la partita. Alla ripresa dei giochi però Legnaia allunga sul +9 e la Libertas perde lucidità in attacco. I biancorossi aumentano così la pressione difensiva e finalmente in attacco trovano i primi due punti da Raffaelli. Una tripla di Angelini scalda i cuori dei tifosi e la Libertas si rifà pericolosa sul -5. Raffaelli viene servito da un ottimo assist di Lorenzi e concretizza il gioco da tre punti che vale il -4. Ci pensa Conti a spegnere gli entusiasmi con una bruciante tripla. Il primo tempo si conclude sul 23 a 30 per l'Olimpia.

Lorenzi, dopo lo 0/8 dal campo nel primo tempo, firma praticamente da solo un parziale di 8 a 0 ed incita anche il pubblico ad entrare in partita. La Libertas mette la testa avanti sul 31 a 30 e coach Zanardo è costretto a richiamare in panchina i suoi. Legnaia perde però lo smalto iniziale che aveva in attacco. Lucca spreca comunque troppe opportunità dalla lunetta e dopo 6 minuti di gioco si ritrova sotto di 3 lunghezze. Guidi segna in arresto a tiro e regala ai fiorentini il +5. Coach Romani blocca subito la partita. I lucchesi potrebbero sfruttare una situazione di bonus ma Legnaia riesce comunque a chiudere il terzo periodo avanti di 4 punti.

Ultimi dieci minuti della stagione davanti al proprio pubblico per la Libertas. Poli e Romei commettono due falli antisportivi a distanza ravvicinata e permettono agli avversari di allungare sul +5. I biancorossi si caricano di falli e una sanguinosa palla persa a metà campo concede a Guidi la possibilità di ampliare il vantaggio fino al +9. Un facile lay-up di Fontani a centro area sembra mettere temporaneamente fine alle speranze biancorosse. L'Olimpia tocca anche il +10 ma il cuore lucchese non smette di battere. Lorenzi manda a segno un'importante tripla che rimette in gioco la Libertas sul -5. Lo segue Poli che paga con la stessa moneta e manda in visibilio il pubblico sugli spalti. La Libertas è lì, a soli 3 punti di distanza, quando manca 1'07'' dal termine. Finale punto a punto con Temoka che in lunetta stabilisce due possessi di distanza tra le squadre. Morello fa 2/2 ma Poli si vede fischiare fallo dall'altra parte. Conti risponde con un 1/2 ma Lorenzi è bravo a prendere fallo sulla linea dei tre punti sul 54 a 57. La mano non trema e Lorenzi fa 3/3. Pari a 27'' dalla fine. Temoka torna in lunetta e fa 1/2. Romani vuole avere la chance di giocarsi l'ultimo tiro. Poli commette infrazione di 5 secondi sulla rimessa ma, alla ripresa dei giochi, Lucca recupera il pallone ed ha in mano il match point a 1 secondo dal termine. Lorenzi riceve sulla rimessa ma sbaglia da tre il canestro decisivo. Finisce 57 a 58 per Legnaia.

“Faccio comunque i complimenti ai miei ragazzi – ha detto a fine partita coach Maurizio Romani – perché hanno disputato una bella partita e un’ottima stagione. Una campionato che doveva essere proibitivo per noi e invece hanno dato tutto sul campo e sono cresciuti tantissimo. Stasera si è chiuso un cerchio. La stagione è iniziata contro Legnaia, con un abisso tra le due squadre, e si è conclusa sempre contro l’Olimpia ma a un soffio dalla vittoria. Il basket è questo e bisogna accettarlo. Quella di stasera è stata tutto fuorché una sconfitta. Anzi. Una vittoria di un gruppo straordinario che è partito con poche risorse a disposizione ma ha ottenuto un grande risultato. Ho fatto i complimenti a tutti in spogliatoio perché hanno giocato sopra le righe in questa stagione.

Ci meritavamo gara 3 – ha incalzato Romani - sarebbe stato l’epilogo più giusto per quanto visto in questi 80 minuti. Massimo rispetto comunque agli avversari che non hanno rubato niente. Anche sotto di 10 punti abbiamo sempre avuto la forza di raddrizzare la partita. Abbiamo limitato moltissimo i loro giocatori più importanti, abbiamo vinto la sfida a rimbalzo e, complessivamente, abbiamo forse giocato meglio. Abbiamo commesso anche qualche ingenuità. E questo è il nostro unico rimpianto. Per il resto ci dispiace per il nostro pubblico che ci ha sostenuto ma dobbiamo avere la forza di esultare per una stagione cosi esaltante. Un onore e privilegio per me aver seguito questa squadra"

Andrea Cosimini

Libertas con le spalle al muro: decisiva gara 2 contro Legnaia17/5/2016
Win or go home. Vincere o andare a casa. Con questo spirito la Libertas Basket Lucca affronterà la gara 2 di play-off contro l’Olimpia Legnaia dopo essere andata sotto nella serie in casa dei fiorentini. Domani sera (mercoledì 18 maggio), alle 21.15, i biancorossi scenderanno in campo al Pala Tagliate con l’obiettivo proprio di allungare la serie e giocarsi il match point sabato nell’eventuale gara 3 al Pala Filarete. Non un’impresa impossibile. In gara 1 i lucchesi hanno dimostrato di poter tenere testa all’Olimpia nel primo tempo, arrivando a giocarsi la partita nella seconda metà di gioco, seppur cedendo nei minuti finali alla maggiore lucidità degli avversari. Come spesso avviene in gare di questo tipo, a decidere la partita sono stati soprattutto piccoli episodi.

“Gara 2 – ha commentato coach Maurizio Romani – sarà una partita senza ritorno. Il nostro obiettivo è riuscire, davanti al nostro pubblico, ad allungare la serie fino a gara 3 che per noi sarebbe motivo di grande soddisfazione. Siamo fiduciosi di fare una prestazione migliore di gara 1 perché consapevoli degli errori commessi soprattutto nei piccoli particolari. Abbiamo comunque dimostrato di poter mettere gli avversari in difficoltà sul campo e daremo il massimo per i nostri tifosi. Contro una squadra come l’Olimpia, sicuramente favorita nella serie, ogni disattenzione o distrazione finiamo per pagarla”.

Un fattore chiave della partita sarà indubbiamente anche la condizione fisica dei giocatori in campo. Non solo per la Libertas, ma anche per l’Olimpia. Giocare due partite così intense a distanza ravvicinata può essere decisivo nei risvolti della gara. Chi dimostrerà maggiore lucidità in campo, dopo così poco tempo di recupero, potrà leggere al meglio i dettagli della partita.

“Dovremo essere attentissimi su tutto – ha concluso il coach biancorosso – perché l’Olimpia ha dimostrato di avere giocatori di talento in grado di fare la differenza in campo. Hanno personalità nel roster in grado di accendersi da un momento all’altro e risultare micidiali sul parquet. Da parte nostra, comunque vada, sarà l’ultima partita in casa nella serie. Ci aspettiamo quindi un pubblico numeroso sugli spalti che possa sostenerci attivamente durante tutta la partita”.

Andrea Cosimini

Play-off: la Libertas perde contro Legnaia e va sotto nella serie15/5/2016
OLIMPIA LEGNAIA 70
LIBERTAS BASKET LUCCA 53

Parziali (13-15; 35-34; 59-47)

OLIMPIA LEGNAIA: Zani 17, Calamai 5, Temoka 5, Guidi 13, Fontani 21, Cambi, Marchini 9, Conti, Tarchi, Del Secco. All. Zanardo
LIBERTAS LUCCA: Raffaelli 8, Angelini 8, Tellini 8, Lorenzi 9, Genovali 3, Romei, Del Sorbo, Masini 5, Poli 6, Morello 6. All. Romani

Arbitri: Toscano G. di Asciano (SI) e Giustarini I. di Grosseto (GR)

La Libertas Basket Lucca cede in casa dell’Olimpia Legnaia per 70 a 53 dopo una bella battaglia che ha visto i biancorossi lottare fino alla fine sfruttando la grinta e la voglia di fare bene in campo. Grande equilibrio nel primo tempo, poi però i padroni di casa hanno allungato nel terzo periodo grazie anche al troppo spazio concesso ai due giocatori di punta Zani e Fontani. Nel finale di partita, infine, la Libertas ha sprecato alcune ghiotte occasioni dalla lunetta registrando un pesante 0/4 firmato dalla coppia Angelini-Tellini.

“C’è grande rammarico – ha commentato coach Maurizio Romani – perché abbiamo giocato bene per 25 minuti dimostrando fin da subito un ottimo approccio. La partita poi è rimasta in equilibrio grazie al coraggio, la lucidità e l’attenzione nell’eseguire le cose che avevamo preparato. Il mini-parziale subìto nel terzo quarto è stato frutto di due nostre disattenzioni che poi abbiamo pagato nonostante avessimo il tempo per recuperare. Negli ultimi 10 minuti ho visto tanta generosità e voglia di fare ma anche troppa approssimazione e poca lucidità.

Prendiamo certamente atto del risultato – ha concluso il coach – ma adesso pensiamo a gara 2 con l’idea di ripartire da quanto di buono fatto nei primi 25 minuti di questa partita. Rispetto alla prima partita di regular season, contro l’Olimpia, ho notato un abisso tra le due prestazioni. Lo scarto registrato è stato maturato tutto nei minuti finali tanto che a 2-3 minuti dal termine eravamo ancora lì lì per giocarcela. Reputo comunque positiva la nostra prestazione, in casa di uno squadrone come Legnaia, e spero di rifarci mercoledì davanti al nostro pubblico”.

Andrea Cosimini

Libertas: la tavola è apparecchiata per la prima di playoff contro Legnaia13/5/2016
Si scaldano i motori in casa biancorossa per il primo turno di play-off di serie C Silver. Domani (sabato 14 maggio), alle 21.15, la Libertas Basket Lucca scenderà in campo per gara 1 contro l’Olimpia Legnaia sul difficile parquet fiorentino. Una serie alla meglio delle tre partite che vede i lucchesi, decisamente sotto nel pronostico, affrontare comunque una squadra dal potenziale molto alto. L’Olimpia avrà tutta la pressione dalla propria parte, viste l’entità del roster e le ambizioni di inizio campionato, mentre la Libertas si presenterà all’appuntamento già consapevole del grande traguardo raggiunto durante questa stagione.

“Solo iniziare questa serie di play-off – ha commentato coach Maurizio Romani – è per noi già un grande successo che corona il positivo percorso intrapreso fin qui. La pausa forzata di due settimane ci ha tolto un po’ di ritmo, ma devo dire che la squadra ha affrontato questo periodo in maniera positiva. Abbiamo fatto dei buoni allenamenti dimostrando grande concentrazione e voglia di far bene in campo. Mi posso ritenere soddisfatto, quindi, del modo in cui ci siamo avvicinati ai play-off”.

L’Olimpia Legnaia è una squadra che vanta giocatori di grande talento a livello individuale. Primo fra tutti Zani, capace di tutto su un campo da basket, ma soprattutto abituato a giocare partite di play-off. Grande attenzione, poi, a Fontani, un valido esterno, e Temoka, un lungo di colore potente, esplosivo e fisico che sarà difficile da limitare. Questi tre giocatori sono affiancati da altri due talenti: da una parte Guidi, un abile playmaker, e dall’altra Calamai, specializzato soprattutto in compiti difensivi. Dalla panchina, infine, escono Marchini, sostituto del play, e Masi, quest’ultimo un prodotto del vivaio.

“Presi singolarmente – ha incalzato il coach biancorosso – sono chiaramente superiori a noi. Affrontiamo però questi play-off con la voglia di divertirci. Il nostro obiettivo è quello di fare delle belle partite poi sarà il campo che a dirci le cose. Ci aspetta una partita difficile ma proveremo comunque a fare la voce grossa in campo. Sono curioso di vedere come si svilupperà la partita anche perché, avendo esordito oramai otto mesi fa in campionato contro l’Olimpia, potremo testare sul campo i risultati della nostra crescita”.

Andrea Cosimini

Libertas U15: vince il derby e chiude il campionato al secondo posto9/5/2016
CENTRO MINIBASKET LUCCA 39
LIBERTAS BASKET LUCCA 59

Parziali (10-18; 29-30; 33-53)

CMB LUCCA: Bonanni, Del Guerra 2, Pocai 2, Capocchi 2, Maione 15, Del Debbio 4, Cosentino 6, Cosentino 8. All.Orsi
LIBERTAS LUCCA: Galli 6, Lenci 4, Pasquini 7, Gianni, Schianchi, Pilastro 15, Musetti 3, Patella, Del Chiaro 2, Rugani 6, Fava 12, Giannini 2. All.Muzzarelli

Si chiude così l’annata per i ragazzi della Libertas Lucca U15 regionale, ovvero nella miglior maniera possibile, con una bella vittoria nel derby con il Centro Minibasket Lucca e la conquista del secondo posto assoluto in campionato. Un derby giocato nel segno della sportività, con i giocatori di entrambe le squadre che, prima e dopo la partita, hanno fatto insieme l’urlo denotando così una grande maturità sportiva.

La partita è stata combattuta per la prima metà, dove i padroni di casa hanno messo più intensità rispetto ai biancorossi. Ma una volta rientrati dagli spogliatoi, la partita è cambiata: i ragazzi di coach Muzzarelli hanno giocato con tanta aggressività e sono riusciti a mettere al sicuro la partita nel terzo periodo, anche perché - senza togliere i meriti alla Libertas - i padroni di casa avevano poche rotazioni dalla panchina.

“Sono contento per quello che hanno fatto i ragazzi quest'anno – ha commentato coach Matteo Muzzarelli - All'inizio della stagione abbiamo preso un gruppo demotivato, ma con il lavoro in palestra, abbiamo riassemblato i pezzi, creando un bellissimo entusiasmo nel gruppo; i ragazzi sono migliorati sotto tutti i punti di vista, soprattutto sulla voglia di amare questo sport, sotto un punto di vista tecnico sono state gettate le basi per la prossima stagione, dove i ragazzi affronteranno situazioni più complesse e strutturate; sono veramente contento perché abbiamo avuto un gruppo bellissimo, fatto da ragazzi che si sono sempre impegnati e che hanno il rispetto e la consapevolezza di questo sport chiamato Pallacanestro”.

Entusiasmo che traspare anche dalle parole del giovanissimo vice-allenatore Andrea Nicolosi che si è dimostrato sulla stessa linea di giudizio: “Mi ritengo fortunato ad aver allenato un gruppo cosi, fatto di ragazzi fantastici – ha commentato Nicolosi - tutti i ragazzi hanno messo il cuore in quello che facevano, il bello di questo gruppo è che con il passare dei mesi si è formata una forte identità di squadra, tutti uniti e non si sono mai creati piccoli gruppetti; tutto questo è merito del lavoro svolto da Matteo Muzzarelli che è riuscito a trasmettere la mentalità giusta ad ogni ragazzo, siamo riusciti a infonderli la nostra passione per questo sport e questo significa davvero tanto; sul lato tecnico sono migliorati tutti e sono convinto che la strada percorsa sia quella giusta, perché questa squadra ha delle potenzialità e i ragazzi, in futuro, sono in grado di affrontare nuove sfide, anche a un livello superiore”.

Andrea Cosimini

Libertas: Carlo Balducci convocato per la selezione nazionale under 142/5/2016
Saranno presenti anche i colori della Libertas Basket Lucca al Raduno di Avviamento Tecnico Federale Centro-Sud Selezione Under 14/M, in programma a Pescara dal 5 all’8 maggio, grazie alla convocazione del giovane (classe 2002) e promettente talento del vivaio biancorosso Carlo Balducci. Fresco da una più che positiva esperienza al Trofeo delle Regioni “Cesare Rubini” 2016, a Bologna, Balducci (1.90 m) sta tenendo alti i colori della squadra per merito anche del lavoro svolto assieme ai compagni dell’under 14 elité guidati quest’anno da coach Giulio Bernabei.

Al raduno di Pescara saranno coinvolte le regioni di Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Lazio, Marche, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia, Umbria e, ovviamente, Toscana. Una rosa di 32 giocatori, tutti classe 2002, selezionati con cura dai vari vivai con a disposizione eventuali altri 16. A guidare la squadra coach Andrea Capobianco, in doppia veste di allenatore e responsabile, coadiuvato una serie di assistenti e giovani allenatori (uno per ogni regione), un formatore CNA, due preparatori fisici, un addetto al video, un medico, due fisioterapisti e un team manager.

Il programma prevede l’arrivo in hotel il 5 maggio e nel pomeriggio subito la prima seduta di allenamenti presso il Palaelettra Pescara. Gli allenamenti proseguiranno, in doppia seduta mattutina e pomeridiana, i giorni 6 e 7 maggio per poi terminare, nella giornata di domenica 8, con un ultima seduta mattutina di tre ore, il pranzo, e la ripartenza verso casa.

La società biancorossa coglie l’occasione per congratularsi nuovamente con il suo giocatore per questo importante risultato raggiunto.

Andrea Cosimini

Una Libertas poco convinta esce sconfitta contro Terranuova1/5/2016
A.DIL. ALBERTO GALLI 81
LIBERTAS BASKET LUCCA 64

Parziali (24-15; 40-35; 60-50)

ALBERTO GALLI: Tello 19, Barbieri 18, Biccucci 7, Malacario 4, Baldi 8, Iacomoni, Gironi, Merico, Malile, Bianchi 25. All. Baggiani
LIBERTAS LUCCA: Raffaelli 10, Angelini 7, Tellini 13, Lorenzi 8, Genovali 13, Romei 2, Del Sorbo, Masini, Mattei 2, Poli 9. All. Bernabei

Arbitri: De Luca M. di Siena (SI) e Zanzarella C. di Siena (SI)

La Libertas Basket Lucca chiude il girone di seconda fase con una brutta sconfitta a Terranuova Bracciolini, per 81 a 64, contro una A.Dil. Alberto Galli che ha dimostrato semplicemente più convinzione in campo. Una sconfitta che comunque non cambia la classifica per i lucchesi, i quali si presentavano alla partita già sicuri della propria qualificazione ai play-off. Niente Dolfi per i padroni di casa, mentre i biancorossi hanno dovuto fare a meno di Morello, fuori per una distorsione alla caviglia, e soprattutto di coach Romani, squalificato dopo il provvedimento preso dal giudice sportivo. Sulla panchina a guidare i biancorossi è andato quindi il suo vice Giulio Bernabei, accompagnato dal giovane Andrea Nicolosi.

Molto aggressivi nel primo quarto, i padroni di casa sono scesi in campo sicuramente più motivati ed hanno imposto fin da subito uno stile di gioco molto duro e fisico. I biancorossi, al contrario, sono partiti troppo morbidi in campo ed hanno seguito troppo il ritmo avversario. Il secondo quarto si è aperto con Terranuova avanti di 9 lunghezze. I ragazzi di coach Bernabei hanno recuperato fino al -5 ma hanno continuato a pagare la scarsa attenzione in campo. Nella ripresa i lucchesi hanno faticato ancora ad alzare la propria intensità di gioco e a rimbalzo hanno concesso forse troppo. Terranuova ha alzato i ritmi in difesa e ha messo maggiore pressione sui giocatori avversari. Con un po' di convinzione in più i padroni di casa hanno così allungato sul +10. Nel quarto periodo Lucca era sotto di 19 a soli 4 minuti dal termine. Per i padroni di casa è stato espulso uno dei giocatori di riferimento, Tello, per doppio fallo antisportivo. Nonostante questo la partita si è conclusa sull’ 81 a 64 per Terranuova che ha difeso così il fattore campo.

“Non abbiamo giocato bene – ha commentato coach Giulio Bernabei – soprattutto a livello difensivo dove non abbiamo messo la nostra classica intensità. Il grande rammarico dei ragazzi deve essere quello di essere scesi in campo semplicemente poco motivati rispetto agli avversari. Terranuova ci ha messo in difficoltà in attacco proponendo una zona che non siamo riusciti ad attaccare bene. Forse l’assenza di Dolfi, uno dei loro giocatori di riferimento, ha permesso ad altri ragazzi giovani di fare eccezionali prestazioni a livello realizzativo. Ripeto, però, abbiamo pagato il nostro atteggiamento privo di quella cattiveria che solitamente ci contraddistingue”.

Andrea Cosimini