Home Prima
Squadra
Giovanili Società Tornei Sezione
Atleti
News Forum  Foto & 
Video
Link &
Sponsor
Area
Riservata
Credits


News - Dicembre 2015

La Libertas Lucca A si aggiudica il 5° Memorial Andrea Bartoli27/12/2015
Una giornata di sport e di festa quella che si è tenuta oggi (domenica 27 dicembre), presso il Pala Matteotti di Lucca, in occasione della quinta edizione del Memorial Andrea Bartoli. L’evento, organizzato dalla società sportiva Libertas Basket Lucca, ha riscosso un ottimo successo in termini di pubblico e di entusiasmo. Alla fine ha vinto il torneo la Libertas Lucca A, formazione guidata da coach Samuele Pasquini, dopo aver battuto in finale 61 a 56 i ragazzi del CMB Lucca. Bene anche il CMB Carrara che ha sconfitto la Libertas Lucca B 80 a 17 nella finale per il terzo e quarto posto. Tutte le squadre sono state premiate con una coppa generosamente offerta dalla famiglia Bartoli.

“E’ stata edizione riuscita – commenta il presidente Bruno Paoli – con un alto numero di partecipanti. Un torneo che ha dato a tutti i ragazzi l’opportunità di giocare e divertirsi su un campo da basket. Quest’anno la Libertas Lucca ha partecipato con due formazioni visto il grande numero di atleti under 13 allenati da Francesco Abatantuono, Samuele Pasquini e Marianna Masini”. Il torneo è iniziato la mattina, dalle 9 alle 11, con le semifinali che hanno visto la Libertas Lucca A imporsi sulla Libertas Lucca B per 92 a 19 e il CMB Lucca sconfiggere il CMB Carrara per 42 a 24. Nel pomeriggio, poi, si sono svolte le rispettive finali e a seguito la premiazione con le foto di rito.

Il torneo è stato pensato in memoria di Andrea Bartoli, capitano della squadra under 17 open nell’anno sportivo 2010/2011, tragicamente scomparso a 16 anni nel novembre del 2010 in un incidente stradale sulla via Pisana insieme all’amica Federica Campisi. Al torneo erano presenti anche il padre Stefano Bartoli, l’allenatore e i vecchi compagni di squadra di Andrea. “Andrea Bartoli – ricorda Bruno Paoli – è cresciuto nelle giovanili della Libertas. Un playmaker talentuoso, velocissimo, quando la palla era nelle sue mani sapevi che era al sicuro. Era l’anima della sua squadra. Sapeva prendersi la responsabilità nei momenti più importanti della partita ed era un ragazzo molto intelligente. Amava questo sport e si allenava con assoluta dedizione e costanza”.

Andrea Cosimini

Al via la quinta edizione del “Memorial Andrea Bartoli”24/12/2015
Si rinnova anche quest’anno l’appuntamento con il torneo di basket “Memorial Andrea Bartoli” organizzato dalla società sportiva Libertas Basket Lucca. L’evento, giunto alla sua quinta edizione, si terrà domenica 27 dicembre presso la palestra “Matteotti” di Sant’Anna e vedrà protagoniste sul parquet quattro formazioni della categoria under 13: Libertas Lucca A, Libertas Lucca B, CMB Lucca e CMB Carrara. Si inizia al mattino con le semifinali, dalle 9 alle 11, per poi proseguire nel pomeriggio con le finali, dalle 15 alle 17. Il torneo è dedicato alla memoria del giovane Andrea Bartoli tragicamente scomparso a 16 anni, nel novembre del 2010, in un incidente stradale sulla via Pisana insieme all’amica Federica Campisi. Andrea, oltre ad essere un grande appassionato di basket, era il capitano della squadra under 17 open nell’anno sportivo 2010/2011 della Libertas Basket Lucca.

Andrea Cosimini

La Libertas gioca alla pari con Castelfiorentino ma esce sconfitta20/12/2015
LIBERTAS BASKET LUCCA 48
ABC CASTELFIORENTINO 65

Parziali (8-13; 25-26; 33-42)

LIBERTAS LUCCA: Romei 6, Del Sorbo 8, Masini, Raffaelli 11, Angelini, Mattei, Tellini, Genovali 11, Poli 7, Morello 5. All. Romani
CASTELFIORENTINO: Montagnani 19, Innocenti 10, Belli 7, Buti ne, Tozzi ne, Rinaldi ne, Manetti 12, Corbinelli, Trillò 6, Taiti 11. All. Bagnoli

Arbitri: Bertoncini S. di Pontremoli (MS) e Bellucci L. di Livorno

Note: Coach Romani (fallo tecnico a 5'33''), Belli (fallo tecnico a 17'26''), Trillò (fallo tecnico a 32'59''), Morello (fallo antisportivo a 35'56'')

La Libertas esce sconfitta dal Pala Tagliate dopo aver combattuto fino alla fine contro una delle squadre più forti del campionato. I padroni di casa scendono in campo con l'atteggiamento giusto. Genovali piazza da solo un parziale di 4 a 0 con due tiri dalla media distanza. Trillò risponde mandando a segno i primi due punti della sua squadra dalla lunetta. Le percentuali al tiro si abbassano per la Libertas che non approfitta del positivo avvio difensivo. Innocenti firma così il primo vantaggio ospite in contropiede dopo una palla recuperata e Belli piazza un tiro da tre dopo un rimbalzo offensivo che manda su tutte le furie coach Romani. Gli ospiti iniziano il secondo quarto trovando punti importanti dalla lunetta ma la Libertas tiene bene in difesa. In attacco i lucchesi ricuciono piano piano lo svantaggio fino a portarsi sul -2 a un minuto dal termine del primo tempo. Morello guida il contropiede ma viene fermato fallosamente e segna dalla lunetta i due punti del pareggio. Poli mette a segno altri due punti in contropiede, ma Castelfiorentino va negli spogliatoi sul +1 con una tripla a fil di sirena. Nella ripresa i lucchesi commettono troppi falli e Castelfiorentino può dilatare il vantaggio. Finale di terzo quarto ad alto livello agonistico con la Libertas che rimane comunque in partita sul -9. Poli apre l'ultimo quarto con la prima tripla dei biancorossi della partita (0/18 fino a quel momento dalla lunga distanza). Gli ospiti provano però a scappare sul +14 dopo aver lucrato sul fallo antisportivo fischiato a Morello e aver segnato una pesante tripla per mano di Innocenti. Nel finale di partita si va spesso in lunetta, da una parte e dall'altra, ma alla fine ne esce vincente la squadra di coach Bagnoli.

"Se si legge il risultato - ha commentato a caldo coach Romani - senza aver visto la partita si può pensare ad una vittoria netta e facile per loro. La partita in realtà è stata diversa, molto tosta da parte nostra. Ho apprezzato molto gli sforzi della mia squadra, senza Lorenzi e dopo una partita dispendiosa come quella contro il Cmb. Siamo stati in partita per due quarti contro una squadra insidiosa come Castelfiorentino. I miei ragazzi sono stati tenaci in difesa, bravi a limitare le loro bocche di fuoco. Potevamo vincere solo rendendo meno fluido il loro gioco. Mi dispiace che dal terzo quarto in poi abbiamo lottato e resistito ma c'è stata troppa severità nei nostri confronti nel metro arbitrale. La partita si è fatta fisica e loro sono stati avvantaggiati. Fino a 5 minuti dalla fine siamo stati a contatto sul -9 poi, in piena lotta, abbiamo provato il tutto per tutto. La squadra poi era molto provata sul finale. Insomma il risultato non è lo specchio fedele della lotta che c'è stata in campo. Abbiamo vinto la sfida a rimbalzo e le basse percentuali al tiro non dicono tutto sul nostro valore. Voglio vedere le cose positive che sono molte di più rispetto a quelle negative. Nelle prime tre giornate di ritorno ho visto una squadra migliorata e cresciuita rispetto all'andata"

Andrea Cosimini

Cliente difficile per la Libertas: domani arriva l’Abc Castelfiorentino19/12/2015
Tour de force per la Libertas Basket Lucca che, a tre giorni di distanza dal derby, deve scendere di nuovo in campo domani (domenica 20 dicembre) in casa al Pala Tagliate contro il temibile Abc Castelfiorentino alle 18. Una sfida non semplice per i ragazzi di coach Romani che si trovano a fare i conti con una situazione infortuni ancora complessa. Il giocatore di riferimento Matteo Lorenzi ha saltato le ultime due gare, contro Costone Siena e Geonova Lucca, per un problema alla caviglia e sarà in forse anche domani. “Abbiamo avuto tre giorni scarsi per ricaricarci dopo il derby – ha commentato il coach biancorosso – e cliente peggiore non poteva capitarci. L’obiettivo a questo punto è recuperare fisicamente contro Castelfiorentino e cercare di fare una prova coriacea e gagliarda per ricompattare poi le energie durante il periodo natalizio”. L’Abc Castelfiorentino è senza dubbio una delle squadre più ostiche del campionato e all’andata i lucchesi si dovettero arrendere 57 a 82, in casa degli avversari, dopo essere stati sotto nel punteggio sostanzialmente per l’intero match.

“Castelfiorentino – ha spiegato coach Maurizio Romani – è una squadra dal grosso impatto fisico e atletico. Una formazione che potrebbe giocarsela tranquillamente in categorie superiori con diversi abili giocatori. A partire da Taiti, lungo insidioso sotto canestro e dalle mani buonissime, a Delli Carri, atleta e giocatore fuori categoria, fino al duo Manetti e Montagnani”. Una squadra completa, insomma, che vanta un bel mix di atletismo e fisicità. Il roster presenta diversi giocatori di stazza molto abili a fare canestro. “Noi dovremo cercare di fare una partita migliore del derby – ha concluso Romani – e sarà difficile. Ancora più difficile proprio per via del poco tempo a disposizione per prepararla. L’Abc Castelfiorentino gioca per il primato in campionato ma ai miei ragazzi chiedo comunque una prova solida affinché sia partita vera davanti al nostro pubblico”.

Andrea Cosimini

La Geonova si aggiudica il derby contro la Libertas18/12/2015
LIBERTAS BASKET LUCCA 56
GEONOVA LUCCA 82

(Parziali: 11-21; 24-37; 42-69)

LIBERTAS LUCCA: Romei 4, Del Sorbo 4, Masini 6, Raffaelli 16, Angelini 7, Mattei, Tellini 2, Genovali 9, Poli 8, Morello. All. Romani.
GEONOVA: Drocker 9, Puccinelli, Loni 16, Danesi 14, Del Debbio 5, Tozzini 13, Porciani 6, De Falco 6, Pierini 5, Meucci 8. All. Piazza.

Arbitri: C.Zanzarella (Siena) e Minnella E. (Sovicille, SI)

Pubblico delle grandi occasioni quello accorso al Pala Tagliate per il derby storico tra le due formazioni lucchesi di serie C Silver. Alla fine la spunta la Geonova che trova maggiore continuità al tiro da fuori e fa prevalere i chili e i centimetri in più sotto canestro. Nel primo quarto parte forte la Geonova che trova subito punti importanti da Tozzini dentro l'area. Coach Romani chiama in panchina i suoi sul -13 e al rientro in campo la Libertas aumenta i giri in difesa recuperando tre palloni tramutati poi in 6 punti preziosi. Piazza ferma a sua volta la partita e la Geonova reagisce con un contro-parziale che la porta a chiudere il primo quarto avanti di 10 lunghezze. La Libertas tiene bene in difesa ma gli ospiti mantengono inalterato il vantaggio per quasi tutto il secondo quarto. La Geonova trova continuità anche fuori dall'arco e Meucci firma da tre il +12. Nella ripresa, lo stesso Meucci battezza dalla lunga distanza e i ragazzi di coach Piazza volano a +18 grazie anche a due triple di Loni. Drocker, il capitano della Geonova, si iscrive alla partita tardi ma due suoi canestri fuori equilibrio fanno saltare sugli spalti i propri sostenitori. Nell'ultimo quarto parte bene la Libertas che piazza un parziale di 9 a 2 firmato dalla coppia Raffaelli-Genovali. Gli ospiti, però, rispondono facendo prevalere la propria fisicità sotto canestro e chiudono la partita vincendo 82 a 56.

"E' stato un buon derby da parte nostra - ha esordito a caldo coach Maurizio Romani - perchè abbiamo giocato contro una squadra sicuramente più forte e strutturata con obiettivi importanti in campionato. In più a noi mancava Lorenzi, la nostra prima arma offensiva. Ho visto buone cose in campo, anche se mi è dispiaciuto per i primi minuti che ho visto i miei giocatori un pò contratti e accontentarsi spesso del tiro da fuori. Nei primi cinque minuti abbiamo subito un break che ci siamo portati dietro per tutta la partita, anche se dopo siamo stati bravi a limitarli. Loro hanno avuto una serata al tiro importante e questo ha dilatato il loro vantaggio. A noi resta il rammarico per il terzo quarto quando a livello difensivo abbiamo provato a fare tante cose per metterli in difficoltà poi però dal punto di vista dell'applicazione abbiamo concesso alcuni canestri. Abbiamo giocato male diverse situazioni in contropiede e questo poteva rendere più equilibrata la partita. Hanno pesato i troppi canestri su tap-in e i tiri presi da un centimetro. Negli spogliatoi ho detto ai ragazzi di uscire a testa alta perchè abbiamo combattuto fino all'ultimo, tenendo De Falco al minimo stagionale, contro una squadra che è stata capace di battere la capolista Pino Dragons solo pochi giorni fa".

Andrea Cosimini

C Silver: Derby cittadino tra Libertas e Geonova16/12/2015
Domani sera (giovedì 17 dicembre), alle 21.15, grande appuntamento cestistico al PalaTagliate di Lucca in occasione del derby cittadino di serie C Silver tra Libertas Basket Lucca e Geonova Lucca. Dopo il primo rinvio, per la convocazione di Domenico De Falco con la Nazionale Militare, si conclude così ufficialmente il girone di andata che ha visto le due squadre lucchesi mirare ad obiettivi differenti in campionato. "Sarà una partita particolare – ha esordito coach Maurizio Romani – ma bisogna essere onesti. Non c'è una rivalità così sentita tra le due squadre in quanto si tratta di due società che già collaborano in sintonia a livello giovanile. Il nostro è un rapporto positivo anche se in campo, ovviamente, ognuno cercherà di fare il massimo per difendere la propria squadra e i propri colori. La Geonova è una delle formazioni più forti in campionato e tutti i pronostici sono dalla loro parte. Loro, però, hanno anche più pressione mentre noi non abbiamo nulla da perdere. Abbiamo fatto bene, per ora, in campionato con squadre simili a noi. Spero sia una partita vissuta nel segno dell'agonismo e del rispetto, sia dentro che fuori dal campo”.

La Geonova ha giocatori più grossi e fisici della Libertas e questo è un gap che i ragazzi di Romani dovranno ridurre per subire il meno possibile da questo punto di vista. Coach Giuseppe Piazza vanta un roster che ha tantissimi punti nelle mani e De Falco, atleta di livello superiore e quasi sprecato per questa categoria, come giocatore di punta, al di là dei numeri, proprio per la sua presenza fisica e per la conoscenza che ha del gioco. La Libertas, dal canto suo, arriva al derby molto sfortunata con Lorenzi che, dopo l'infortunio rimediato contro l'Olimpia Legnaia che gli ha fatto saltare anche la partita contro Costone, è improbabile che sia presente in campo domani. Altri giocatori, poi, hanno qualche intoppo a livello fisico. “Anche se ad essa non ci siamo mai appellati – ha concluso Romani - possiamo dire che non è stata una stagione facile la nostra a livello di fortuna. I nostri giocatori chiave Lorenzi e Angelini hanno avuto, per tutto il corso della stagione, problematiche varie che li hanno costretti fuori dal campo in più occasioni. Veniamo, però, da una serie di buone partite e da una vittoria in trasferta, senza il nostro giocatore di riferimento, che ha dato segnali di crescita importanti in termini di presenza e responsabilità da altri miei giocatori".

Andrea Cosimini

La Libertas ritrova fiducia e batte il Costone in trasferta13/12/2015
COSTONE SIENA 57
LIBERTAS BASKET LUCCA 62

(Parziali: 13-21; 30-25; 43-42)

COSTONE SIENA: Rosa 6, Benincasa 7, Manetti 8, Catoni 2, Nepi Al. 12, Nepi An. 2, Giannini, Toscano, Stanzione 3, Corzani 17. All. Binella
LIBERTAS LUCCA: Masini 2, Raffaelli 14, Angelini 15, Poli 10, Morello 12, Mattei, Romei 2, Del Sorbo, Tellini 2, Genovali 5. All. Romani

Arbitri: Sgherri T. (LI) e Marinaro M. (PI)

La Libertas Basket Lucca porta a casa due punti importanti dopo la vittoria sul campo del Costone Siena, squadra della stessa fascia in classifica. Una vera battaglia, durata 40 minuti, con i lucchesi che ne sono usciti vincitori grazie ad alcuni canestri pesanti sul finale che hanno deciso le sorti del match. Benissimo nel primo quarto, i ragazzi di coach Maurizio Romani hanno messo in campo un gioco fluido con un buon coinvolgimento dei presenti sul parquet. Nel secondo quarto, però, la Libertas è ricaduta nello stesso vizio delle ultime partite riuscendo a segnare appena 4 punti e subendo un brutto parziale negativo. Nel terzo quarto i padroni di casa si sono tenuti sempre a pochi punti di vantaggio ma nel finale la Libertas è riuscita a fare suo il parziale. Nell’ultimo periodo, infine, i biancorossi non sono mai riusciti a chiudere definitivamente la partita grazie anche al merito degli avversari. Solo qualche canestro pesante, a ridosso del termine, ha permesso alla Libertas Lucca di portare a casa la partita.

“Sono soddisfatto – commenta coach Romani – perché è sempre bello vincere in trasferta. Mi è piaciuto l’atteggiamento messo in campo dai miei ragazzi che hanno giocato 40 minuti da squadra vera e compatta. Nel finale di partita siamo stati bravi a non perdere la testa e a trovare canestri importanti. Decisivi sono stati i rimbalzi che abbiamo preso, 18 dei quali in attacco”. Poli e Raffaelli hanno firmato due azioni decisive nel finale, compresa una bella penetrazione del playmaker Morello con scarico in direzione di Genovali. Per il Costone Siena, invece, Corzani è stato il giocatore chiave nei minuti finali di partita. A livello di infortuni mancavano due giocatori importanti da entrambe le parti, ovvero Matteo Lorenzi per la Libertas Lucca e Luigi Bruttini per il Costone Siena. I biancorossi si riscattano così dopo un periodo complicato vissuto in campionato e cominciano a pensare al derby con la Geonova Lucca che si terrà giovedì 17 dicembre, alle 21.15, al Pala Tagliate.

Andrea Cosimini

Libertas in cerca di un riscatto contro Costone11/12/2015
Appuntamento per domani sera (sabato 12 dicembre), alle 21, con la seconda giornata del girone di ritorno di serie C silver tra Costone Siena e Libertas Basket Lucca. La squadra di coach Maurizio Romani viene da alcuni giorni importanti, dal punto di vista psicologico e del morale, con la voglia di ritrovare fiducia dopo le tre sconfitte consecutive rimediate in campionato. “E’ una partita che arriva in un momento particolare – esordisce il coach biancorosso – perché veniamo da tre partite che, con un pizzico di cattiveria in più, avremmo potuto portare a casa. Il bottino poteva essere più largo, viste le ottime prestazioni sfoderate per buona parte delle partite, ma ci è mancata la giusta cattiveria nei momenti in cui potevamo chiudere l’incontro. Alcune partite erano proibitive ma c’è del buono in quello che abbiamo fatto finora, quindi non c’è da demoralizzarsi”. A livello di infortuni, però, la stagione della Libertas Lucca non può dirsi delle più fortunate visti i tanti elementi chiave colpiti. Lorenzi, dopo l’infortunio alla caviglia rimediato contro l’Olimpia Legnaia, sarà in forse fino a domani mentre Tellini dovrà fare i conti con un problema al piede. A questo punto, coach Romani dovrà fare maggiore affidamento sui giocatori che stanno bene fisicamente e chiedere loro di essere più incisivi come è nelle loro corde.

Costone Siena, d’altra parte, non ha avuto più fortuna dei lucchesi in campionato avendo perso subito dopo la prima partita il loro giocatore di riferimento Bruttini. “Ho molto rispetto per Costone – commenta Romani – perché, nonostante le sconfitte, ha fatto buone prestazioni in campionato. E’ una squadra capace di compattarsi e di tener duro senza mai rassegnarsi. Qualcuno, però, domani dovrà festeggiare e vogliamo essere noi. Studieremo le loro qualità e i loro punti deboli, ma più che altro dobbiamo lavorare sulla nostra continuità in campo perché questa categoria ci ha dimostrato finora che giocare bene 20 o 30 minuti non basta per vincere”. L’attuale giocatore di riferimento per il Costone Siena è l’esterno di grande talento fisico e tecnico Nepi, accompagnato da un playmaker solido come Benincasa, due lunghi tiratori come Corzani e Manetti e Rosa, un tiratore quest’ultimo che ha dato molto fastidio all’andata contro la Libertas Basket Lucca.

Andrea Cosimini

La libertas cade ancora in casa contro Legnaia8/12/2015
LIBERTAS BASKET LUCCA 50
OLIMPIA LEGNAIA 60

(Parziali: 14-16; 29-21; 32-39)

LIBERTAS LUCCA: Romei, Del Sorbo 2, Masini 6, Raffaelli 12, Angelini 5, Tellini 2, Lorenzi 10, Genovali 1, Poli 7, Morello 5. All. Romani
OLIMPIA LEGNAIA: Zani 11, Cambi, Calamai 4, Masi 9, Guidi 8, Marchini 4, Conti 5, Fontani 16, Tarchi, Del Secco 3. All. Zanardo

Arbitri: Montalbetti R. di Empoli e Di Salvo E. di San Giuliano Terme (PI)

La Libertas cede in casa contro l'Olimpia Legnaia senza riscattare il risultato dell'andata. Per Legnaia parte forte Fontani che piazza da solo 8 dei 12 punti, i quali costringono coach Romani a chiamare subito time-out. I biancorossi rispondono bene con Masini che piazza un contro-parziale di 4 a 0 e porta energie fresche dalla panchina. Legnaia abbassa le percentuali dalla distanza e l'inerzia si sposta verso i padroni di casa. Nel secondo quarto la Libertas aumenta i giri in difesa e in attacco trova punti importanti da Raffaelli. I biancorossi si portano avanti di 8 lunghezze e chiudono in vantaggio il primo tempo. Nella ripresa i lucchesi si caricano di falli e Legnaia ne approfitta per rimontare fino al +7. Coach Romani rimette in campo Lorenzi, nonostante la fastidiosa distorsione rimediata nel primo tempo, per dare di nuovo ritmo all'attacco. I ragazzi di coach Zanardo, però, trovano continuità al tiro da fuori e chiudono la partita 60 a 50 espugnando così il Pala Tagliate.

"La partita si può leggere in due modi - ha commentato a caldo coach Romani - Per due quarti abbiamo messo letteramente alle corde una squadra valida come l'Olimpia Legnaia anche alla luce della brutta sconfitta dell'andata. Il secondo quarto lo abbiamo giocato al limite della perfezione in difesa. L'infortunio di Lorenzi nel primo tempo è stato importante ma un singolo episodio non può spiegare la nostra sconfitta". Ancora una volta è stato l'atteggiamento dei biancorossi a dare fastidio al coach che, a questo punto, non si aggrappa ad alcuna scusante. "Questa - ha rincarato Romani - è una squadra di giocatori senza attributi. E' la terza partita che buttiamo via, dopo momenti brillanti come contro Valdisieve. Un episodio è un caso, due anche, tre sono una prova. Quando diventa importante fare le cose giuste per portare a casa la vittoria, sembra che entrino in campo le nostre controfigure".

Andrea Cosimini

Prima di ritorno: la Libertas attende l’Olimpia Legnaia7/12/2015
La Libertas Basket Lucca si prepara per la prima partita del girone di ritorno in programma per martedì 8 dicembre contro l’Olimpia Legnaia alle 20.30 al Pala Tagliate di Lucca. Coach Maurizio Romani sarà regolarmente presente in panchina, dopo che il giudice sportivo ha accolto il ricorso fatto dalla società biancorossa in seguito al provvedimento di squalifica preso nei suoi confronti, inizialmente di due settimane (dal 1 al 14 dicembre) poi ridotto fino a lunedì 7 dicembre (incluso). Intanto dall’infermeria tardano ancora ad arrivare notizie positive per la Libertas, con i pivot Angelini e Genovali in forse fino alla fine, anche se la voglia di riscatto dopo i due amari ko consecutivi contro Valdisieve e Pontedera è tanta. All’andata i ragazzi di coach Romani si arresero in trasferta 64 a 47, in quello che fu a tutti gli effetti un esordio assoluto in serie C silver, ma la partita di martedì sarà diversa perché la Libertas Lucca ha dimostrato di essersi calata pienamente in questo campionato sia a livello tecnico che mentale. Dall’altra parte, una squadra insidiosa come l’Olimpia Legnaia che sta facendo molto bene in campionato anche se viene da una brutta sconfitta fuori casa contro la Virtus Siena che rappresenta un motivo in più per riscattarsi sul campo dei lucchesi.

“Ci presentiamo a questa partita – ha commentato l’assistant coach Giulio Bernabei – purtroppo non al 100 per cento, con diversi giocatori ancora da recuperare. Questo è ovviamente un grande handicap per noi che vorremmo trovare la condizione ideale di avere a disposizione tutti i nostri giocatori. Veniamo da due sconfitte negative, che ci hanno fatto perdere quattro punti importanti, e ci dobbiamo rifare anche se la nostra condizione mentale è ottimale”. Tante cose, comunque, sono cambiate da quella prima partita in assoluto della Libertas Basket Lucca nel campionato di serie C, proprio contro Legnaia, persa in trasferta. “All’andata – ha concluso Bernabei – dovevamo sempre carburare e, soprattutto, conoscerci meglio in campo. Ora siamo decisamente migliorati e la prossima partita sarà sicuramente molto diversa dalla prima. Legnaia è a livello tecnico superiore, ma noi rispondiamo con l’agonismo e con la nostra voglia di vincere. Speriamo, infine, di ricevere un grande supporto da parte dei nostri tifosi”. L’Olimpia Legnaia vanta un quintetto tra i più forti del campionato, con alcuni giocatori fuori categoria. Le prime bocche di fuoco sono Fontani e Zani, che assieme combinano quasi 30 punti media, a cui si affianca un grosso pivot come Temoka e un giovane play insidioso come Guidi. A coronamento del roster, una panchina di qualità dal punto di vista fisico e tecnico.

Andrea Cosimini